fbpx

Mascherine a 50 centesimi ?

Mascherine a 50 Centesimi

che confusione …

Annunciare di calmierare i prezzi e stata una pratica illiberale, che ha danneggiato tutte le attivita connesse al mondo delle mascherine.

Dal giorno dopo dell’annuncio (attenzione era solo un annuncio, senza alcuna ufficialità) le persone hanno preteso di acquistare le chirurgiche al prezzo calmierato.

Le farmacie, che le mascherine le avevano acquistate a prezzi ben superiori ai 50 centesimi, naturalmente non hanno venduto nulla.

Stessa sorte e toccata per gli ecommerce online, tutti gli utenti hanno cercato le famose mascherine a 50 centesimi, senza esito.

La conseguenza è stata un drastico calo nelle vendite di tutti i tipi di mascherine, che siano esse chirurgiche, riutilizzabili oppure certificate FFP.

Anche noi nel nostro store www.familymask.it abbiamo subito un pesante rallentamento delle vendite.

Proclami del genere senza alcuna precisazione hanno un effetto pazzesco, confondo gli acquirenti e danneggiano i produttori italiani che mai possono competere con i prezzi dei prodotti cinesi.

Perché con 50 centesimi solo prodotti cinesi si possono acquistare

Prima ci dicono di riconvertire le nostre fabbriche e poi non ci consentono di vendere … siamo arrivati alla follia.

Mascherine mono uso a 50 centesimi o riutilizzabili a minor costo?

Noi produciamo mascherine riutilizzabili che costano 2,66 euro + iva
Dato che possono essere riutilizzate ben 10 volte, il costo di utilizzo giornaliero e di 27 centesimi, ben inferiore se vogliamo ai 50 centesimi delle mascherine chirurgiche che sono monouso.

Non sarebbe stato meglio aver pianificato un tavolo di confronto fra Governo, associazioni di produttori e di consumatori per attivare delle linee guida capaci di salvaguardare il lavoro di centinaia di aziende italiane e tutelare il diritto dei consumatori ad acquistare a prezzi ragionevoli?

Condividete il più possibile questo post, facciamolo giungere con voce forte a chi di competenza perché qui c’e in gioco la tutela della salute e la sopravvivenza di migliaia di lavoratori del settore.

Confido in tutti voi.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *